Versione grafica Versione accessibile Mappa

Sei in

progetti

Progetto "Brughiera Briantea - per un miglioramento dell'interfaccia Parco - Urbano", attivato con il contributo di Fondazione Cariplo

Cariplo

Durata del progetto 15 mesi
Data di avvio Aprile 2011
Data di conclusione Luglio 2012
Importo del progetto (€) 34.571
Finanziatori Fondazione Cariplo, PLIS Brughiera Briantea

CENSIMENTO DEGLI SPAZI APERTI SUL WEBGIS: cosa c'è fuori dal Parco?

È stato portato a termine il censimento degli "spazi aperti" (o aree marginali) siti esternamente al Parco in prossimità dei confini.
Per "spazi aperti" o "aree marginali", nell'ambito del network di progetti finanziati da Fondazione Cariplo con un apposito bando, si intendono tutte quelle superfici che, ancora libere da edificazione, sono però localizzate in un contesto che le rende residuali o marginali (aree urbane o peri-urbane), con pochi collegamenti verso aree naturaliformi più vaste e funzionali.
Il Parco ha deciso di focalizzare l'attenzione sull'ambito dei suoi confini, anche per verificare quali "opportunità di espansione" potrebbero esserci in futuro.
Mentre verso nord le aree marginali lasciano fortunatamente spazio alle vaste estensioni di boschi e brughiere, a est, sud e ovest l'urbanizzato ha permesso l'individuazione di aree davvero "residuali".
Lo studio ha permesso di censire 54 aree limitrofe, prossime o adiacenti ai confini del Parco, ma sempre esterne ad esso, che in alcuni casi hanno anche caratteri di interesse ambientale e naturalistico tali da renderle importanti per il loro rulo di aree cuscinetto site tra l'urbanizzato e il Parco.
Ogni area è stata fotografata, descritta, misurata e cartografata; tutti i dati raccolti sono stati inseriti in apposite schede descrittive consultabili direttamente attraverso lo strumento del WebGIS, portale cartografico navigabile messo a disposizione all'interno del sito istituzionale dell'Ente, in modo che tutti possano avere un accesso ai dati e farsi un'idea di ciò che ci rimane e ci circonda.

Il progetto

Il progetto, co-finanziato da Fondazione Cariplo, affronta la grande tematica degli "spazi aperti" o "aree residuali" all'interno delle nostre città e degli spazi che frequentiamo: luoghi spesso dimenticati, di scarso interesse, quasi "non luoghi" che spesso costituiscono l'ultimo baluardo di naturalità del nostro territorio e raccolgono, pur non visibili agli occhi, importanti caratteri di connettività ecologica, valore naturalistico e storico - testimoniale.

Nell'ambito di una partecipazione vasta e diffusa, il progetto censisce e qualifica questi spazi all'interno del PLIS Brughiera Briantea e nelle aree ad esso immediatamente esterne, assegnandogli - finalmente - un ruolo che non è quello dell'attesa di una futura destinazione, ma quello del loro valore presente in quanto "spazio aperto", non edificato, libero (fase 1 - censimento e analisi degli spazi aperti).

Alcuni di questi spazi, già individuati come aree di rilevante importanza, saranno poi oggetto di più approfonditi studi (fase 2 - studi di fattibilità) per la loro riqualificazione o valorizzazione (in chiave ecologica, fruitiva, nautralistica, paesaggistica) attraverso la partecipazione di esperti e progettisti ma anche di cittadini ed associazioni, attraverso momenti di partecipazione istituiti ad hoc (fase 3, trasversale - divulgazione e partecipazione).

La tematica degli "spazi aperti" raccoglie oggi numerosi interessi da parte di studiosi, addetti ai lavori, professionisti della pianificazione territoriale e dell'urbanistica, università. Il progetto "PLIS Brughiera Briantea - per un miglioramento dell'interfaccia Parco - Urbano" è parte di un esteso network di attività similari condotti da diversi Enti e Associazioni del territorio lombardo, attraverso il coordinamento tecnico-scientifico di Fondazione Cariplo con il Politecnico di Milano, Dipartimento di Architettura e Pianificazione.

Per saperne di più: http://www.spaziaperti.fondazionecariplo.it/public/spaziaperti/introduction.php

pdf descrizione dettagliata del progetto (PDF 784.69 KB)

5 STUDI DI FATTIBILITA' PER PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE DI AREE LIMITROFE AL PARCO

Nell'ambito del progetto sono stati prodotti 5 studi di fattibilità per la riqualificazione di altrettante aree site nei comuni di: Cabiate, Carugo, Mariano Comense.

Gli studi propongono azioni di riqualifcazione ambientale e miglioramento delle possibilità di fruzione delle aree, con l'obiettivo di ridurre lo scollamento tra aree interne ed aree esterne al Parco, spesso separate da un evidente confine tra territori verdi e aree urbanizzate. Una parte degli studi di fattibilità sarà candidata ad ottenere un finanziamento per la realizzazione delle opere proposte attraverso il bando "SPAZI APERTI - interventi realizzativi" attivato da Fondazione Cariplo.

Potete scaricare qui sotto i documenti completi degli studi di fattibilità:

7z Studio di fattibilità 1: Cabiate Valletta (7Z 14.1 MB)
7z Studio di fattibilità 2: Mariano Comense orti (7Z 15.49 MB)
7z Studio di fattibilità 3: Carugo area cimitero (7Z 13.69 MB)
7z Studio di fattibilità 4: Carugo vasca (7Z 16.15 MB)
7z Studio di fattibilità 5: Carugo Gattedo (7Z 15.05 MB)

Gli archivi sono compressi col programma gratuito open-source 7-Zip.